Colite e colon irritabile - - asafe.info
Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

\\ Enciclopedia Medica : Articolo
Colite e colon irritabile
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 14:38:24, in Lettera C, visto n. 1185 volte)


Colite è un termine che indica una generica infiammazione del tratto di intestino denominato colon. La genericità del termine porta con sé grande confusione perché in realtà si confondono sintomi con patologie. Dal punto di vista patologico si possono identificare: a) sindrome del colon irritabile o colite spastica. È la colite più comune e meno grave, causata da un colon facilmente irritabile con sintomi banali, ma spesso molto fastidiosi (dolori addominali, stitichezza o, al contrario diarrea). b) Coliti infettive. Sono quelle provocate da un agente esterno: tifo, paratifo, tubercolosi addominale, yersinia, sighella, ameba, Cytomegalovirus, schistosomiasi ecc. c) Coliti ischemiche, causate da un deficit dell'apporto di sangue al colon. d) Colite da antibiotici o di origine chimica (mercurio). e) Morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa. Sono patologie serie le cui cause non sono ancora note. Sindrome del colon irritabile - Poiché si tratta di una malattia dell'apparato digerente, molti ritengono che sia collegata a cause alimentari. In realtà non è affatto così, anzi, il più delle volte è legata a stress psichici e/o (più raramente) fisici. Una cattiva alimentazione o determinati alimenti possono aggravarla, ma il consiglio migliore è migliorare la propria vita dal punto di vista psicologico. Ciò che è importante notare è che gli alimenti "negativi" non sono gli stessi per tutti i soggetti; il che comporta che è necessario un esame individuale della dieta proposta, in quanto indicazioni generali spesso falliscono. Il paziente può cioè adottare una strategia simile a quella indicata per le intolleranza alimentari, escludendo e/o inserendo l'alimento incriminato e verificando la reazione personale. Gli alimenti a rischio Latte Dolcificanti (sorbitolo, fruttosio ecc.) Marmellata Frutta: pesche, pere, prugne Verdura: cavoli, carciofi, spinaci, cipolla, rucola, cetrioli, sedano Fibre e cibi integrali (in alcuni soggetti migliorano la situazione, in altri la peggiorano) Spezie Caffè, tè, Coca Cola e bevande contenenti caffeina Bibite gassate Altri alimenti sono a rischio indiretto, come per esempio tutti quelli ricchi di sale (dadi per brodo, insaccati) perché inducono a bere più del dovuto. La preferenza va poi a piatti semplici, non elaborati, da gustare in perfetta tranquillità. L'attività fisica (dapprima moderata, poi a intensità crescente) può essere utile ad allenare l'intestino a una certa motilità fisiologica. La limitazione dei fattori di stress o una loro migliore gestione è poi una delle armi migliori contro la colite.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Commenti
Inserire solo modifiche al testo citato. Per le domande ai medici
Nessun commento trovato.

Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.



Titolo



Titolo



Titolo


steroid-pharm.com

https://pharmacy24.com.ua

варденафил 40 мг