(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) non può essere considerato un problema estetico, anche se la componente psicologica di questa patologia non deve essere messa in secondo piano. Spesso può essere causa di altri problemi come mal di testa, visione doppia o posture anomale del capo (torcicollo). Può anche essere conseguenza di altre problematiche, ad esempio l’ipertiroidismo, ictus, problemi neurologici o tumori. Per questo è importante trattarlo il prima possibile, in alcuni casi prima dei tre anni d’età».
Quando si manifesta? Alcuni strabismi colpiscono i bambini fin dalla nascita e sono diagnosticati già all’uscita dall’ospedale. Altri emergono nei primi anni del bambino: ad accorgersene sono i genitori o i pediatri durante le visite di screening. «In alcuni casi lo strabismo è causato da febbri alte o da stress forti come la nascita di un fratellino. Negli adulti la principale causa di strabismo è l’ictus, ma può essere conseguenza di traumi, problemi neurologici e ipertiroidismo», dice l’oculista torinese.
Molti sono strabici e non lo sanno. Ci sono adulti che hanno un lieve strabismo, mai diagnosticato e se ne accorgono magari guardando una proiezione 3D: «Lo strabico non ha visione tridimensionale, in quanto vede con un solo occhio – afferma la dottoressa -. Altri scoprono di soffrire di questo problema ricercando le cause di un mal di testa persistente o di un torcicollo. Per verificare la simmetria degli occhi è possibile fare una foto al cellulare con il flash: in questo modo si vede se il riflesso luminoso è centrato e simmetrico nella parte nera dell’occhio».
Esiste una cura? La maggior parte degli strabismi si può migliorare, alcuni si possono correggere. «Alcuni casi, detti refrattivi, si correggono con gli occhiali e non devono assolutamente essere trattati chirurgicamente – dice ancora Maria Elisa Scarale -. Altri necessitano dell’occlusione di un occhio o esercizi ortottici, per altri ancora è necessario intervenire chirurgicamente, negli adulti in anestesia locale, nei bambini in generale. In alcuni casi è molto utile la tossina botulinica, che blocca alcuni muscoli e migliora lo strabismo. Le tecniche oggi sono mini invasive, si richiede un intervento ma può essere necessario farne un secondo. In caso di bambini, può essere necessario intervenire ancora a distanza di anni. Le tecniche per la cura sono meno invasive rispetto a qualche anno fa: in un paio di giorni si chiudono le ferite e in una settimana andrà via anche il rossore. In precedenza i bambini si bendavano ed era un trauma non poter vedere».
L’importanza della prevenzione. Diagnosticare lo strabismo entro i tre anni può evitare danni permanenti. «Capita che alcuni bambini abbiano un occhio con una funzione visiva inferiore alla norma in assenza di evidenti patologie oculari, ma per un semplice difetto refrattivo. Il disturbo, che si chiama ambliopia o occhio pigro, può causare a sua volta strabismo: il rischio è che non recuperi una buona visione e che diventi storto se non si interviene per tempo, ossia entro i 3 anni. Per questo è importante una diagnosi anche in tenera età, usando un approccio adeguato», conclude l’oculista.
Leggi altre informazioni
29/09/2016 Arturo Bandini


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante


готовые шторы купить киев

First the goods, then the payment

dapoxetina prezzo